Il brandy più buono del mondo sceglie la bottiglia Luz

23/04/2020 - Viterbo - Italia

L’inconfondibile packaging premium di Bruni Glass impreziosisce il brandy “Numa”, campione del mondo alla World Spirits Competition di San Francisco.

Un distillato di successo non può che scegliere un packaging di altrettanto successo. La Valle del Marta è un’azienda agricola di Tarquinia (Viterbo) che tramanda, da ben cinque generazioni, ricette antichissime che racchiudono quasi centoventi anni di storia della tradizione contadina locale. Nel cuore pulsante della penisola italiana, in mezzo a due tra le regioni più belle e ricche di storia del nostro paese, i fratelli Mario e Franco Pusceddu traducono la loro passione e il loro entusiasmo per il mondo agricolo in una serie di distillati di alto pregio. Il loro brandy “Numa” è frutto di un antichissimo metodo di distillazione. Dopo un riposo di venticinque anni, questo è il tempo in cui il distillato viene fatto invecchiare, è tempo di degustare quello che è stato eletto il brandy più buono del mondo.

Parliamo dell’incredibile successo ottenuto durante la prestigiosa World Spirits Competition di San Francisco che si è svolta dal 13 al 15 marzo 2020 e che ha visto ben tre prodotti de La Valle del Marta salire sul podio: medaglia di bronzo per l'amaro “Tarquinia”, medaglia d’argento per la grappa Tarquinia e al brandy “Numa” il titolo di campione del mondo. Non è passato neanche un anno dal primo posto ottenuto dal Brandy Superbo, sempre di produzione dell’azienda laziale, in occasione dell’Alambicco d’Oro nel 2019, a dimostrazione che la qualità e il duro lavoro vengono sempre premiati.

Mario Pusceddu, titolare assieme a suo fratello dell’azienda agricola, ci ha parlato del packaging scelto per i suoi prodotti premium: “Da sette anni utilizziamo la bottiglia Luz da 700 ml di Bruni Glass per molti dei nostri prodotti. Grazie alla preziosa assistenza ricevuta, siamo riusciti a realizzare un progetto che rispecchiasse a pieno quello che era il concept iniziale. I nostri distillati, molti dei quali portano il nome di alcuni tra i sette re di Roma proprio per sottolineare il forte legame con la storia, avevano bisogno di una bottiglia evocativa. La Luz, con il suo design unico, richiama con la sua forma semplice e lineare la storia classica portandoci indietro di tremila anni e creando un legame indissolubile con l’antichità. In questo è stata fondamentale l’assistenza fornita dal sales team di Bruni Glass Centro Sud e in particolare da Mirko Mancini e da Fausto Proietti”.

Chiacchierare con i fratelli Pusceddu è come fare un tuffo nella storia. Una storia che inizia sul poggio Ranocchio, collina elogiata da Plinio il Vecchio nei suoi racconti e che ad oggi fa da cornice all’azienda agricola del Viterbese. Colui che è stato il primo enogastronomo della storia, mandato a nord di Roma dall’Impero per perlustrare il territorio e rimanendo fortemente impressionato dalle bellezze del porto di Tarquinia, è stato solo uno tra i tanti appassionati a rimanere colpiti da questo incredibile paesaggio. Per questo ci teniamo a ringraziare la famiglia Pusceddu per aver portato con orgoglio l’eccellenza e la tradizione italiana nel mondo. E la storia continua.